MASTER IN GESTIONE, SVILUPPO E AMMINISTRAZIONE DELLE RISORSE UMANE
Il presente Master, mira all’acquisizione di conoscenze e competenze specialistiche inerenti il settore Risorse Umane, attraverso moduli tematici dal taglio operativo affidati ad esperti.
Il programma tocca i principali argomenti in materia, approfonditi tramite esercitazioni e casi pratici:
Organizzazione aziendale e funzione delle Risorse Umane
Reclutamento e Selezione del personale
Formazione e Sviluppo delle Risorse Umane
Le soft skills
Amministrazione del personale e contrattualistica
La gestione delle relazioni sindacali in azienda
Politiche retributive ed incentivazione
L’outplacement

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE E FUNZIONE DELLE RU (1 giornata)

AZIENDA, IMPRESA, ORGANIZZAZIONE: I DIVERSI SIGNIFICATI
 PRINCIPALI TEORIE E MODELLI DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE
STRUTTURA, DIMENSIONI E STILI DI DIREZIONE DELL’AZIENDA
L’ORGANIGRAMMA AZIENDALE: ESEMPI
IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO MOTIVANTE
LA FUNZIONE DELLE RU: ORGANIZZAZIONE E COMPITI
LABORATORIO

RECLUTAMNTO E SELEZIONE DEL PERSONALE (4 giornate)

FASE 1 (¼): IL RECLUTAMENTO
JOB ANALYSIS, JOB DESCRIPTION, JOB PROFILE
IL PROCESSO DI RECLUTAMENTO E SELEZIONE: TECNICHE E STRUMENTI
LA SELEZIONE ATTRAVERSO IL WEB: FONTI DI RICERCA INTERNE ED ESTERNE
IDEAZIONE E STESURA DI UN ANNUNCIO DI RICERCA EFFICACE
LA FASE DELLO SCREENING: ANALISI DELLE CARATTERISTICHE DEL CANDIDATO
ACCOGLUENZA ED INSERIMENTO DEL PERSONALE IN AZIENDA: BUONE PRASSI
LABORATORIO
FASE 2 (2/4): LA SELEZIONE
IL COLLOQUIO DI SELEZIONE: MODALITÀ E TIPOLOGIE
FASI DEL COLLOQUIO E DOMANDE CRUCIALI
QUALI ASPETTI OSSERVARE
STILI DI CONDUZIONE DEL COLLOQUIO
SUGGERIMENTI UTILI ED ERRORI DA EVITARE
I TEST DI SELEZIONE: DIFFERENTI TIPOLOGIE
INDICAZIONI ED ESEMPI
LABORATORIO
FASE 3 (¾): LA VALUTAZIONE DI POTENZIALE E PRESTAZIONI
LA VALUTAZIONE DEL POTENZIALE E DELLE PRESTAZIONI: OBIETTIVI, SIGNIFICATI PSICOLOGICI E MANAGERIALI
CONCETTI DI PRESTAZIONI, POSIZIONI, POTENZIALE E COMPETENZE
IL BILANCIO DI COMPETENZE COME STRUMENTO DI CRESCITA PROFESSIONALE
COMPETENZE STRATEGICHE, ORGANIZZATIVE, DI GESTIONE, COMPORTAMENTALI/RELAZIONALI
LABORATORIO
FASE 4 (4/4): L’ASSESSMENT CENTER
L’ASSESSMENT CENTER: DEFINIZIONE, CARATTERISTICHE E CAMPI DI APPLICAZIONE
INDIVIDUAL ASSESSMENT, GROUP ASSESSMENT
SVOLGIMENTO DI UN A. C.: FASI E TIPOLOGIA DELLE PROVE
IL COLLOQUIO DI FEEDBACK
OBIETTIVI FONDAMENTALI, VANTAGGI E LIMITI DELL’A.C.
LABORATORIO

FORMAZIONE SVILUPPO DELLE RU (2 giornate)

LA FORMAZIONE IN AZIENDA (1/2)
LA FORMAZIONECOME STRUMENTO STRATEGICO IN AZIENDA: CENNI STORICI
I LIVELLI DELLA FORMAZIONE
STILI DI KOLB E STILI DI APPRENDIMENTO
IL PROCESSO DI FORMAZIONE: ALCUNE DEFINIZIONI.DIFFERENTI TIPOLOGIE DI FORMAZIONE
ATTORI E FASI DEL PROCESSO FORMATIVO
IL DOCENTE: COMPETENZEE STILI COMPORTAMENTALI
MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELL’INTERVENTO FORMATIVO
IL COACHING COME STRATEGIA DI FORMAZIONE: ORIGINI E SVILUPPO, OBIETTIVI E METODOLOGIA,
LABORATORIO
LA FORMAZIONE FINANZIATA (2/2)
QUANDO LA FORMAZIONE È 0,30: FONDI PARITETICI NAZIONALI INTERPROFESSIONALI PER LA FORMAZIONE CONTINUA
FONDO FORMA.TEMP, POLITICHE ATTIVE E PASSIVE DEL LAVORO
LABORATORIO

LE COMPETENZE TRASVERSALI (SOFT SKILLS)
PARTE 1 (1/2 2 giornate)
SOFT SKILLS: COSA SONO E PERCHE’ SONO IMPORTANTI

LE PRINCIPALI COMPETENZE TRASVERSALI PROFESSIONALI: COGNITIVE, GESTIONALI, RELAZIONALI, DI EFFICACIA PERSONALE
LA COMUNICAZIONE COME COMPETENZA “CHIAVE”
LA FORMAZIONE DEL PROCESSO DI COMUNICAZIONE
UN MODELLO FORMALE DI COMUNICAZIONE
DISTURBI NELLA COMUNICAZIONE/RUMORS
ASSIOMI E MODELLI DI COMUNICAZIONE INTERPERSONALE
STILI DI COMUNICAZIONE: L’ASSERTIVITA’
LA COMUNICAZIONE EFFICACE: REGOLE BASILARI, L’INTELLIGENZA EMOTIVA
COMPETENZA DI PUBLIC SPEAKING: DEFINIZIONE, METODI E TECNICHE, OSTACOLI, CONTESTI DI APPLICAZIONE
LABORATORIO
PARTE 2 (2/2, 2 giornate)
COMPETENZE DI TEAM BUILDING, TEAM WORKING, LEADERSHIP: DEFINIZIONI, CARATTERISTICHE, CONTESTI DI APPLLICAZIONE
COMPETENZE DI PROBLEM SOLVING E DECISION MAKING: DEFINIZIONI, CARATTERISTICHE, METODOLOGIE E CONTESTI DI APPLICAZIONE
CAPACITA’ DI NEGOZIAZIONE/MEDIAZIONE: DEFINIZIONI, FASI, SRTATEGIE, CONTESTI DI APPLICAZIONE
LA COMUNICAZIONE NEGOZIALE
NEGOZIAZIONE E GESTIONE DEI CONFLITTI NEI CONTESTI ORGANIZZATIVI: I COMPORTAMENTI EFFICACI
LABORATORIO

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE E CONTRATTUALISTICA

ASPETTI AMMINISTRATIVI E FISCALI (2 giornate)

IL RESPONSABILE DELL’AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE: FUNZIONI, COMPITI E REQUISITI FONDAMENTALI
RAPPORTI CON ALTRE FUNZIONI AZIENDALI, SOGGETTI ESTERNI, ENTI PREVIDENZIALI ED ASSICURATIVI
ADEMPIMENTI RELATIVI ALL’ASSUNZIONE: OBBLIGHI E RELATIVA MODULISTICA
GESTIONE DI ASSENZE ED ORARIO DI LAVORO
RETRIBUZIONE DEL PERSONALE: ELEMENTI E VARIAZIONI
BUSTA PAGA: COSA CONTIENE E COME LEGGERLA
TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO (TFR)
PREVIDENZA OBBLIGATORIA E COMPLEMENTARE
LABORATORIO
ASPETTI CONTRATTUALI (2 giornate)
COSTITUZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO E RELATIVI ASPETTI CONTRATTUALI
CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO (CCNL): EVOLUZIONE STORICA, CARATTERISTICHE E FINALITÀ, EFFICACIA ED ESTENSIONE, SOGGETTI STIPULANTI, FORMA, DURATA E RINNOVO
LE PRINCIPALI TIPOLOGIE CONTRATTUALI: DETERMINATO, INDETERMINATO, PART-TIME, DI INSERIMENTO, DI APPRENDISTATO, DI LAVORO OCCASIONALE
CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO: DIMISSIONI, LICENZIAMENTO E TFR
LABORATORIO
LE RELAZIONI SINDACALI IN AZIENDA (1 giornata)
DIRITTI SINDACALI IN ZIENDA: LE NORMATIVE RECENTI
CENNI BREVI SUL RUOLO DEI SINDACATI
LA COSTITUZIONE DELLE RSA E DELLE RSU
I POTERI DEL DATORE DI LAVORO: SANZIONI DISCIPLINARI, LICENZIAMENTO DISCIPLINARE
RELAZIONI SINDACALI COME STRUMENTO PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI
LABORATORIO
LA GESTIONE DELLE FUORIUSCITE DI PERSONALE DALL’AZIENDA (1 giornata)
DEFINIZIONE DI OUTPLACEMENT: INDIVIDUALE E COLLETTIVO, FASI DEL PERCORSO
CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO DI OUTPLACEMENT: I PRINCIPALI SERVIZI EROGATI
QUANDO NECESSITANO INTERVENTI DI UTPLACEMENT
I VANTAGGI DEL’OUTPLACEMENT
LA RICOLLOCAZIONE NELLE LIBERE PROFESSIONI
LABORATORIO
RETRIBUZIONE ED INCENTIVAZIONE DEL PERSONALE (1 giornata)
DEFINIZIONE DI POLITICHE DEL PERSONALE
IL TOTAL REWARD SYSTEM E LE FONTI CHE LO DEFINISCONO
LA PARTE VARIABILE DELLA RETRIBUZIONE
INCENTIVI E WELFARE AZIENDALE
BENEFIT ED ALTRE FORME DI RICOMPENSA INTANGIBILE
LABORATORIO